Energia potenziale

Quando parliamo di energia potenziale, abbiamo a che fare sia con l’energia potenziale gravitazionale, che con quella elastica. Ecco qui affrontati entrambi gli argomenti.

L’ energia potenziale gravitazionale

energia potenziale
Essa indica il lavoro che compie la forza peso per portare un corpo da una quota A ad una quota B.

Infatti ogni corpo che si trova ad un’ altezza diversa da 0 dal suolo, possiede energia POTENZIALE gravitazionale.

La formula è:

U= m g h

dove U è l’ energia potenziale che dobbiamo trovare, m è la massa del corpo, g è l’ accelerazione di gravità (che sulla Terra ricordiamo essere pari a 9,8 m/s2) e h è l’ altezza dove si trova il corpo.

Ma come si arriva a tale formula? Abbiamo detto che quest’energia è il lavoro (W) compiuto dalla forza peso (Fp) per portare un corpo da una certa altezza ad un’ altra altezza ( Δ h).
Trasformiamo quello appena detto in formula:

U=W

W= Fp h ⇒ W= m g h ( Fp corrisponde a m * g ).

Poichè U=W, U= m g h

in figura un esempio di un corpo quando cade ed ha energia potenziale come abbiamo appena spiegato

L’ energia potenziale elastica

energia potenziale elastica
Come l’ energia potenziale gravitazionale è l’energia che possiede un corpo ad una determinata altezza e grazie alla quale può tornare all’altezza del suolo (h=0), così quella elestica equivale al lavoro che deve compiere una molla compressa o allungata per tornare alla posizione originale.

La formula risulta essere:

Ue= 1/2 k s2

dove Ue è l’ energia potenziale elastica; k è la costante elastica; s è l’allungamento o l’accorciamento della molla.

 

Be the first to comment

Hai bisogno di chiarimenti? Commenta qui!

error: Il contenuto e\\\' protetto!
Fisica-All

GRATIS
VIEW