Aiuto esercizi

Il GuestBook qui sotto e’ disabilitato. Vi preghiamo di scriverci sul nostro FORUM per qualsiasi problema riguardante esercizi e/o chiarimenti, grazie.

Perche’ lo lasciamo visibile? Per la gente che in passato aveva chiesto aiuto, cosi’ da poter ritrovare le vecchie spiegazioni.

Scrivi un nuovo post sul Guestbook

 
 
 
 
 
 
I campi contrassegnati con * sono obbligatori.
Il vostro indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
Per ragioni di sicurezza salveremo il vostro indirizzo IP 35.173.234.237.
Ci riserviamo il diritto di modificare, cancellare o non pubblicare messaggi se ritenuti non idonei alla politica del sito.
34 messaggi.
Mannox Mannox pubblicato il 18 Aprile 2016 alle 18:10:
Qual è la differenza tra "dispersione" e "diffusione" della luce?
Admin Admin pubblicato il 8 Dicembre 2015 alle 18:26:
Per AA:
la pressione si calcola con la formula: p=d*g*h.
Sul fondo la pressione totale sarà la somma delle due pressioni dei due fluidi, quindi p= d(a)*g*h(a) + d(o)*g*h(o).
A metà altezza del cilindro bisogna fare una piccola considerazione: l'olio galleggia sull'acqua, quindi all'altezza di 10 cm avremo tutta la p(o) e 1/6 della p(a).
Spero di essere stato utile, per qualsiasi cosa siamo qui.
Admin Admin pubblicato il 8 Dicembre 2015 alle 18:10:
Per Adry:
I due corpi hanno, naturalmente, leggi di moto differenti. La posizione del primo corpo si potrà calcolare grazie alla legge:
S(1)=v(0)*t - g*t^2/2.
Il segno negativo è dovuto al fatto che il corpo è "attratto" dalla Terra grazie all'accelerazione di gravità.
Il secondo corpo avrà v(0)=0, quindi la legge per calcolare la sua posizione sarà: S(2)= g*t^2/2.
Analizziamo il moto del secondo corpo. Per far sì che si incontrino a metà strada, ci serve sapere il tempo che impiega il secondo corpo a percorrere 5m.
Dalla formula inversa quindi possiamo ricavare t=rad(S(2)/g).
Ora sostituiamo il valore 5 a S(1) nella prima formula (sempre per il fatto che debbano incontrarsi a metà strada) e il valore di t trovato perchè devono incontrarsi, naturalmente, nello stesso istante. Dalla formula inversa ricaviamo quindi v(0)= [S(2)/2 - a*t^2/2]/t.
Spero di essere stato chiaro ed utile, per qualsiasi cosa siamo qui!
AA AA pubblicato il 8 Dicembre 2015 alle 17:56:
Un cilindro viene riempito con 12 cm di acqua e 8 cm di olio.1) Determinare la pressione idrostatica sul fondo del cilindro. 2)Determinare la pressione idrostatica a metà altezza
d(acqua)= 1 g/cm3
d(olio)= 0.9g/cm3
Risolvere urgentemente grazie!!
Admin Admin pubblicato il 8 Dicembre 2015 alle 17:41:
Per Caterina:
nel primo esercizio occorre eguagliare la forza centripeta e quella di attrito. In tal modo potremo calcolare sia la velocità angolare che quella tangenziale. Il procedimento è quindi il seguente: F(a)=F(c). F(c)= m * a(c)= m*v^2/r. v è la velocità tangenziale.
Grazie all'uguaglianza posta inizialmente, potremo dire che v=radice(F(a)*r/m).
Per il secondo esercizio la cosa è un po' più complicata.
Dalla formula della gittata (L=2*v(x)*v(y)/g), ho ricavato la formula L=2*v(0)^2*sin(a)*cos(a)/g scomponendo v(x) e v(y). Per calcolare v(x) ci servono quindi sin(a) e cos(a). Dalle loro definizioni possiamo porre:
sin(a)=h/rad(h^2+l^2) e cos(a)=l/rad(h^2+l^2).
Sostituendole nella formula della gittata avremo:
L= 2*v(0)^2*h*l/g(h^2+l^2).
Esplicitiamo v(0) ed avremo:
v(0)= L*g(h^2+l^2)/(2*h*l).
Una volta trovata v(0), v(x)= v(0)*cos(a).
Spero di essere stato utile e chiaro, per qualsiasi problema siamo qui!
adry adry pubblicato il 8 Dicembre 2015 alle 12:25:
Salve, volevo proporre questo esercizio e sapere come l'avreste risolto voi, grazie in anticipo.

Un oggetto m viene lanciato verso l'alto con velocità iniziale Vo. Contemporaneamente un secondo corpo viene lasciato cadere ad un altezza h=10m. Si determini quale debba essere la velocità iniziale del primo corpo affinche i due si incontrino a metà strada.
caterina caterina pubblicato il 8 Dicembre 2015 alle 10:16:
bgiono potrei avere la soluzione dei seguenti problemi
1) la forza massima di attrito fra le gomme di un automobile e l asfalto ha un valore di 13kn. La massa dell auto è pari a 1800 Kg.Calcola la velocita massima di percorrenza di una curva il cui raggio vale 20m.Esprimi il risultato in m/s e in k/h


2)per avissare guilietta del suo arrivo, romeo lancia una palla di carta dalla finestra in maniera tale che al momento dell impatto,la componente verticale sia nulla.Calcola la componente orizzontale della velocita della palla al momento dell impatto sapendo che la distanza orizzontale percorsa dalla palla e di 4,3 m e che la finestra si trova 4,6 m piu in alto della mano di romeo che la lancia
Pasquale Pasquale pubblicato il 3 Dicembre 2015 alle 00:36:
Prima di tutto, ti serve sapere quale sia la spinta di Archimede per un generico volume X d'aria.
Se non ci fosse la bolla d'aria, la sfera di vetro avrebbe un volume di 4/3 pi R^3.
Siccome ha la bolla d'aria, il volume effettivamente effettivamente occupato dal vetro è
4/3 pi R^3 - X
Per la spinta di Archimede, ti interessa sapere quale sia il peso del volume d'acqua spostato. All'acqua non importa se la bolla d'aria ci sia o meno, perché questa è interna.
Quindi la spinta di Archimede è
F_A = g * dAcqua * 4/3 pi R^3
dove g è l'accelerazione di gravità
D'altra parte, il peso della sfera di vetro è
F_P = g * dVetro * (4/3 pi R^3 - X)
A questo punto, se F_A > F_P, la sfera galleggia, altrimenti affonda
per F_A = F_P hai il caso limite, che ti permette di ricavare X
X = 4/3 pi R^3 * ( 1 - dAcqua/dVetro )

Il secondo punto non è chiaro: se si intende come spinta di Archimede la forza esercitata dall'acqua, questa è semplicemente data dalla forza peso dell'acqua spostata (vedi sopra).
Io, invece, credo si voglia la differenza tra la forza esercitata dall'acqua e la forza peso della sfera di vetro. Supporrò che sia così.

Se la bolla d'aria ha un diametro pari ad R, vuol dire che il suo raggio sarà pari a R/2 ed il suo volume sarà
X = 4/3 pi R^3 / 8
Il volume del vetro sarà quindi
4/3 pi R^3 * 7/8
La forza totale sarà
4/3 pi R^3 * ( dAcqua - 7/8 * dVetro)
Usando i valori forniti si trova che la forza totale è negativa, quindi il vetro affonda
Frà Frà pubblicato il 2 Dicembre 2015 alle 20:27:
Una sfera di vetro di raggio R contiene una bolla d’aria interna (trascurare la densità dell’aria) di volume X sconosciuto .
La sfera viene poi poggiata sul fondo di un contenitore pieno di acqua e lasciata libera :

1. per quali valori di X la sfera rimane sul fondo e per quali valori risale a galla ?
2. determinare la spinta di Archimede a cui la sfera è soggetta nel caso in cui la bolla d’aria abbia diametro uguale al raggio della sfera di vetro (in questo caso risale o rimane sul fondo?)

Dati Numerici :
dAcqua = 1 g/cm3 dVetro = 2400 kg/m3 g = 9,80 N/kg R = 6 cm
Risolvete perfavore...grazie!
Admin Admin pubblicato il 30 Novembre 2015 alle 21:00:
I fluidi sono tutte le sostanze che sono formati da atomi e molecole che godono di una certa libertà. Essi infatti cambiano forma continuamente. Nei fluidi rientrano sia i gas che i liquidi, nonostante vengano associati spesso (erroneamente) solo ai liquidi. I liquidi però hanno un'ulteriore caratteristica: essi hanno un volume pressocchè fisso (costante) a temperatura e pressione costanti.
Spero di essere stato abbastanza chiaro, in caso contrario scrivi pure.
Sauron Sauron pubblicato il 30 Novembre 2015 alle 20:27:
differenza tra fluidi e liquidi?
Admin Admin pubblicato il 5 Novembre 2015 alle 20:28:
Ho reso possibile l'inserimento dei caratteri speciali tramite il linguaggio BBCode. Provvederò il prima possibile alla creazione di uno spazio più adeguato, infatti il nome stesso dell pagina spiega che tale sezione è provvisoria.
Approfitto per ringraziare Pasquale della risposta data precedentemente e dell'aiuto nella scrittura di articoli riguardanti approfondimenti nel campo.
Scusate per il momentaneo disagio.
Pasquale Pasquale pubblicato il 2 Novembre 2015 alle 17:57:
Il radiante è un'unità di angoli conveniente in molti casi perché fornisce una relazione diretta tra il raggio di una circonferenza e l'arco sotteso da un angolo:
l = R theta
dove l è la lunghezza dell'arco, R il raggio della circonferenza e theta è l'angolo in radianti.
Per la lunghezza dell'intera circonferezza si ha
l = R 2 pi
dove 2 pi è l'angolo giro in radianti.

Detto questo, la definizione di radiante è facile da comprendere: si dice che un angolo è ampio 1 radiante (generalmente indicato con rad) se l'arco sotteso ha lunghezza pari al raggio della circonferenza, ovvero, se il raggio è pari ad 1, l'arco sarà lungo 1 (in qualunque unità, purché siano le stesse).

PS: purtroppo non è possibile scrivere lettere greche qui, spero che sia chiaro comunque e che l'amministratore proponga presto uno spazio più adatto per domande e risposte.
Manno Manno pubblicato il 2 Novembre 2015 alle 16:38:
salve, mi potresti dare e spiegare la definizione di radiante? grazie in anticipo
 
error: Il contenuto e\\\' protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Fisica-All

GRATIS
VIEW