Potenziale elettrico tra placche con carica diversa
  • Carlo Alberto
    1° giorno
    Messaggi: 4
    Iscritto il: mar feb 05, 2019 2:02 pm

    Potenziale elettrico tra placche con carica diversa

    da Carlo Alberto » sab feb 09, 2019 10:45 am

    Salve ragazzi, qualcuno può darmi una mano con questo esercizio?
    Il mio problema risiede nel calcolare il potenziale presente tra le armature, ma avevo trovato un metodo:
    1)calcolo la differenza di energia potenziale tra le due placche;
    2)divido l'energia potenziale una volta per la carica sulla prima placca, ottenendone quindi il potenziale, poi ripetendo la stessa procedura sulla seconda placca;
    3) infine sottraggo il secondo potenziale dal primo, ottenendo il dV;

    Sono incerto sulla correttezza del metodo, potreste dirmi se è corretto?
    Inoltre, ho avuto difficoltà a ricavare la forza agente sul granello di polvere, poiché la distanza dalle placche varia, quindi avevo pensato di integrare rispetto alla distanza, ma ovviamente il tutto diverge, lasciandomi con un infinito un po' inutile da trattare. Potreste darmi un metodo migliore? Probabilmente avrei dovuto trattare le variazioni della distanza come negligibili, ma preferirei avere un metodo il più possibile generale, in grado di tenere conto delle distanze variabili.
    Grazie in anticipo!
    Allegati
    20190209_113639.jpg

  • Pasquale
    Site Admin
    Messaggi: 434
    Iscritto il: lun mag 09, 2016 11:04 pm

    Re: Potenziale elettrico tra placche con carica diversa

    da Pasquale » dom feb 10, 2019 12:10 am

    Ciao,
    Il tuo metodo è quasi corretto. Il quasi sta perché nel calcolare l'energia potenziale stai considerando l'energia di una carica tra le armatura. Quindi, se vuoi il potenziale devi dividere per la carica di questa carica, che ha in pratica il ruolo di carica di prova, non della carica delle armature. Inoltre, invece di ricavare il potenziale sulle due armature separatamente, puoi calcolarti la differenza di energia potenziale della carica sopra e poi dividere per la carica.

    Questo è un tipico problema che va studiato tramite considerazioni energetica. Semplicemente imponi che l'energia totale sia conservata, ossia che l'energia potenziale iniziale sia uguale alla quella di un dato punto e la relative energia potenziale. Tra l'altro, questo è abbastanza semplice perché ti viene detto che puoi evitare di considerare gli effetti di bordo, quindi il campo elettrico è omogeneo.
  • Carlo Alberto
    1° giorno
    Messaggi: 4
    Iscritto il: mar feb 05, 2019 2:02 pm

    Re: Potenziale elettrico tra placche con carica diversa

    da Carlo Alberto » lun feb 11, 2019 11:24 pm

    Grazie mille per ľaiuto! Sai dirmi anche se la considerazione che faccio sulla forza è corretta? In questo specifico caso no, perché approssimo il campo come omogeneo, ma in generale?
  • Pasquale
    Site Admin
    Messaggi: 434
    Iscritto il: lun mag 09, 2016 11:04 pm

    Re: Potenziale elettrico tra placche con carica diversa

    da Pasquale » mar feb 12, 2019 12:02 am

    In realtà, non ho ben capito quale sia la tua considerazione sulla forza. In particolare, non ho capito cos'è che integri.

    Nel caso specifico di quell'esercizio, la forza la puoi trovare o attraverso il campo (calcoli il campo elettrico in un punto generico, lo moltiplichi per la carica, e avrai la forza elettrostatica per quella carica in quel punto) o come gradiente dell'energia potenziale.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite